banner
Centro notizie
La nostra missione è fornire merce eccezionale, consegne puntuali e un'assistenza clienti eccezionale.

Ryan Lovelace ricorda la prima tavola da surf che abbia mai modellato

Jul 24, 2023

Un Ryan Lovelace di 19 anni con in mano la sua prima tavola, e poi la tavola in cui l'ha rimodellata anni dopo. Foto: RL

Ryan Lovelace aveva 18 anni, seduto al computer in un piccolo appartamento di merda con due camere da letto, proprio sotto il Santa Barbara City College, cercando di capire dove trovare una tavola da surf per pesci.L'unico problema era che non sapeva cosa fosse un pesce.

“Per quanto riguarda la personalità, se rimango dipendente da qualcosa e ne sono ossessionato, è finita, dannatamente. Come se non ci fosse nient'altro nel mio mondo", mi dice Ryan al telefono, mentre va al suo negozio a Carpinteria. Ora incanala quell'energia ossessiva nel suo surfcraft alternativo, progettato ad arte e splendidamente realizzato, ma la strada per diventare uno shaper all'inizio è stata difficile.

Si è trasferito a Santa Barbara un paio di mesi dopo essersi diplomato. All'inizio avrebbe dovuto frequentare la Brooks per studiare fotografia, ma quando scoprì quanto costava, finì al Santa Barbara City College. Aveva anche programmato di vivere in un altro appartamento, ma quando si presentò con un camion da trasloco pieno delle sue cose, scoprì che i suoi futuri coinquilini erano stati sfrattati e scomparsi, insieme ai tre mesi di affitto che aveva pagato in anticipo. . Quindi ora viveva in una schifosa casa a schiera con uno studente tedesco in scambio che aveva conosciuto in un ostello della gioventù.

Non importava però, perché in realtà era lì per fare surf. Quando Ryan aveva cinque anni, suo padre lo spingeva a ondate durante le visite ai suoi nonni a Lahaina. Più tardi, avrebbero preso tavole durante i viaggi di famiglia e si sarebbero fermati in Oregon sulla strada per il Texas. Era ossessionato, ma il surf non faceva parte della sua vita quotidiana finché non lasciò Seattle. Ora aveva una tavola da bodyboard, una tavola lunga usata e un uovo Hobie, ed era in acqua praticamente ogni minuto di veglia. "Ero il ragazzino, nel mezzo dell'inverno, [in] pantaloncini da surf e una rash guard da windsurf, perché non sapevo niente di meglio, su una boogie board a Sandspit, divertendomi come non mai", dice Ryan. “Non sapevo da che parte stesse andando. Sicuramente il fienile più grande della contea.

Recentemente aveva anche visto un trailer di Glass Love su Surfline, un film pieno di sentimento e riflessivo che gli parlava in un modo che altri video di surf ubriachi e festosi non avevano fatto. Ancora più importante, c'era una clip di Mick Mackie che scivolava lungo la linea su un punto della Nuova Zelanda all'altezza della vita, cavalcando un pesce. Quando l'ha vista, Ryan sapeva che doveva avere qualunque tavola Mick stesse usando, perché era bellissima.

Quindi eccolo lì, a fissare il suo computer, cercando di trovare un pesce. “Era il 2004. Non era come se potessi vedere un pesce da qualche parte. Non c'erano”, ricorda Lovelace. "Così ho deciso di cercare informazioni su di loro e non c'era nulla che potessi trovare online." Senza blog o YouTube a guidarlo, era in un vicolo cieco, quindi ha iniziato a cercare nei negozi dell'usato con un amico che navigava anche lui.

Dopo settimane trascorse a cercare invano una tavola come quella di Mick, il suo amico ha detto casualmente "Oh, potresti semplicemente farne una", e ancora oggi Ryan ricorda vividamente quel momento come se fosse stata una rivelazione divina. "Mi ha colpito come una tonnellata di mattoni", dice. "Non avevo nemmeno preso in considerazione l'idea di costruire la mia tavola da surf, anche se la mia vita è stata così."

Un post condiviso da Ryan Lovelace Surf | Artigianato (@ryanlovelace)

Quindi la missione è cambiata, dal trovare un modo per acquistare la tavola all'imparare a crearne una. Ryan ha iniziato cercando dove trovare schiuma e legno per le traverse. Costruiva modellini di aeroplani RC incollando e cablando a caldo la schiuma di Home Depot, quindi ha pensato di poter iniziare da lì. "Non sapevo che si potessero acquistare pezzi grezzi per tavole da surf", afferma Ryan. "Non avevo letteralmente la minima idea di cosa stessi facendo."

Trascorreva ore al giorno su Swaylocks, un forum che è stato un luogo di incontro e una luce guida per gli shaper sin dagli albori di Internet. Da qualche parte lungo il percorso, vide un post che menzionava con disinvoltura qualcosa chiamato Fiberglass Hawaii. Non sapeva cosa fosse, quindi ha trovato un elenco telefonico. Risultò essere un fornitore di modellatura che aveva una sede a Santa Barbara, letteralmente a tre isolati da casa sua. Il negozio chiudeva alle 17:00. Guardò l'orologio ed erano le 16:40.